KO da dimenticare: Guardea – Del Nera 5-0

Una formazione già malconcia in partenza, torna da Guardea con le ossa rotta - oltre che per gli uomini - anche dal punto di vista del risultato maturato nella giornata odierna: un passivo davvero troppo pesante rimediato da una tracotante candidata alla vittoria finale. Nella prima frazione di gioco il Del Nera perde un uomo praticamente al secondo minuto di gioco, in quanto la prova di forza di Ajazi di rimanere in campo, facilita solo gli avversari che passano in vantaggio al 35’. Al 41’ con un reparto arretrato quasi completamente improvvisato, arriva già il raddoppio dei padroni di casa. Continua a piovere sul bagnato prima dell’intervallo per l’espulsione di Sorato, colpevole di un intervento maldestro al limite dell’area. Il secondo tempo poi, in vantaggio di un uomo e due gol, è facile per una squadra che comunque sa giocare a calcio, trovare altre tre segnature.

I padroni di casa partono con la quinta inserita e già al secondo minuto si trovano a battere una punizione dal vertice destro, con Ajazi che si infortuna in seguito ad un tentativo di respinta e il resto della difesa che si salva prima in corner e poi riesce ad allontanare. Al 10’ ancora Guardea in avanti con l’ispirato n. 10 Sensini, ma al suo ingresso in area sviene chiedendo poi il calcio di rigore, dimostrando nel corso del resto della partita, di essere più bravo a giocare piuttosto che simulare.

Nel minuto successivo, il Del Nera tenta un timido affondo guadagnando un angolo che poi Grandoni calcia sul secondo palo, con la difesa di casa che mette in fallo laterale. Gli ospiti appaiono remissivi, con  il Guardea che riparte al 24’ con il n. 8 Ratini, il quale prova ad innescare al limite Sensini il cui tiro di destro non trova la porta. La compagine di casa continua a spingere sugli esterni e tre minuti dopo il n. 7 Dominici, arrivato quasi sulla linea di fondo, supera il malfermo Ajazi, richiamando a se ed eludendo poi la marcatura di Piumetto e serve sulla linea orizzontale dell’area piccola il n. 11 Saccomanni, quest’ultimo capace a porta spalancata, di divorarsi il vantaggio sparando alto.

I guardeesi tornano in avanti al 35’ trovando ancora il servizio per Sensini sull’out di destra, con il fantasista mancino che fa slalom tra gli avversari, entra in area dal vertice e poi spara con il sinistro alle spalle di Sorato, guadagnando l’1-0 per la propria squadra.

La formazione di Mancini, dopo aver messo in campo Faveri al posto di Ajazi, riformulando una linea di difesa già di per se disperata, trova il passaggio del nuovo entrato per Mariani in area, con l’attaccante sanliberatese che controlla il pallone e poi disturbato da un avversario calcia potente al lato. La rimessa dell’estremo difensore rosso blu è rapida ed efficace con il successivo servizio per il solito Sensini, il quale arriva fino al fondo per poi servire indietro l’accorrente n. 9 Santi, che indisturbato dal dischetto trova il raddoppio al 41’.

Ad un minuto dall’intervallo, per completare un primo tempo di cataclismi, arriva anche l’espulsione di Sorato, colpevole di un’uscita scoordinata al limite nei confronti di un attaccante avversario e che costringerà Anetrelli a lasciare il posto a Bruschetti. Il conseguente calcio di punizione poi, viene calibrato male da Sensini, che spedisce alto.

Al rientro in campo, terzo cambio obbligato della giornata per mister Mancini, con Testarella rimasto negli spogliatoi a causa di cinque dita stampate in faccia e per la normalissima escandescenza di chi riceve uno sganassone e anche in anteprima il risultato della partita; al suo posto Sebastiani.  

Nonostante tutto, il Del Nera torna in campo con la speranza e la voglia di giocare, ma gestire una situazione del genere ed evitare un “cappotto” diventa realmente complicato. Per onore della cronaca, i sanliberatesi ci riescono per altri venti minuti del secondo tempo, quando si buttano in avanti con Faveri a cercare una deviazione vincente in area e trovando invece solo una ripartenza fulminea del Guardea,  con la quale l’asso nella manica Sensini arriva davanti a Bruschetti e lo aggira con il solito sinistro. Al 66’ è 3-0.

Per descrivere meglio una situazione tragicomica, al 68’ arriva anche l’infortunio di Mariani, il quale lascerà il suo posto a Pieri. Intanto girandola di cambi anche per i padroni di casa, i quali giustamente approfittano della situazione per rendere gloria ad ulteriori giocatori, come il neo entrato n. 18 Sisti, il quale imbeccato da un lancio lungo sul filo del fuorigioco, si permette il lusso di presentarsi da solo davanti a Bruschetti e calare il poker al 73’.

Al 77’ arriva la prima conclusione nello specchio della porta da parte degli ospiti, grazie a Settimi che dal limite fa sporcare i guanti all’estremo difensore del Guardea, fino a quel momento inoperoso. Il Guardea comunque non rinuncia a giocare lamentandosi al 79’ con il signor Conti per un secondo penalty non concesso. Per finire la giornata in bellezza, arriva anche il quinto gol dei padroni di casa al 90’ ancora con Santi, il quale lanciato a rete dalle retrovie, trova di nuovo scoperta la difesa ospite e a tu per tu con Bruschetti, lo trafigge con un tiro debole ma preciso.

Da segnalare a tempo scaduto, un'entrata in scivolata assassina del n. 13 Ranchino, punito solo con il giallo, che ha visto per poco creare un altro infortunio, questa volta a Faveri, il quale per tutta riconoscenza, ha ricevuto l'acclamazione di qualche gentile e sedizioso personaggio locale, al quale la pioggia ha provocato probabilmente un corto circuito tra bocca e cervello. 

Senza dubbio un risultato umiliante che ammette poche e flebili giustificazioni riguardanti una rosa decimata dalle assenze. Nulla togliere alla pretendente alla vittoria finale ed al suo tecnico esperto di cinquine, la partita dei sanliberatesi non poteva non essere condizionata, lasciando effettivamente poche speranze già all’inizio della seconda frazione di gioco. Non per questo però ci si abbatte, in quanto domenica prossima, nella speranza che ci siano già dei rientri, ci sarà da sfogare la rabbia, anche per quel ceffone ingiustificato, sul campo in un’altra dura e importante gara contro il Romeo Menti, per cercare di risalire la china e non rimanere affossati in quella zona play-out che costa sempre tanta fatica.

Per vedere lel formazioni e i dettagli della partita, clicca qui >>DETTAGLI<<

Questi tutti i risultati della nona giornata:

LUGNANO IN TEVERINA - VIA LARGA MARSCIANO 0-2 Marcatori: 39'pt Calistroni (V), 13'st Calistroni (V)

NUOVA ATTIGLIANESE - TIBER 1-4 Marcatori: 14'pt Cembolini (T), 28'pt Cembolini (T), 30'pt Marrano (T), 40'st Brozzetti (N), 47'st Perugini (T)

OLIMPIA PANTALLA - AMMETO 0-1Marcatori: 33'st Regni (A)

PRO FICULLE - CASTELLO 4-2 Marcatori: 30'pt Pagnotta M. (P), 32'pt, 38'pt Basili (P), 35'pt Paragnani M. (C), 41'pt Cochi (P), 13'st Ardizio  (C)

REAL AVIGLIANO - TODI 0-2 Marcatori: 34'pt Nulli Gabbiani (T), 5'st Banelli (T)

REAL S.ORSOLA - SANGEMINI 2-2 Marcatori: 23'pt Nulli Pero rig. (R), 43'pt Spano (R), ... (S)

ROMEO MENTI - COLONIA 1-0 Marcatori: 11'st Zammarchi (R)

 post_guardea_delnera.png